“da Miriam!”

Ancora gonfi di panettoni e lenticchie siamo andati a provare il pirlo in questo semplice bar, dando inizio alla maratona enogastronomica del nuovo anno. Quale atmosfera ci ha accolto in questo locale apparentemente anonimo! Le palle di Babbo Natale ancora appese alle pareti, i videopoker ancora in festa e il bancone affollato di eterni sbronzanti. Mentre fuori nevica ordiniamo tre pirloni, ansiosi di far salire la dannata colonnina di mercurio (a casa nostra caricata col campari).

Ben presto il nostro tavolo sembra un presepe, oltre ai tre bicchieri riempiti a dovere e alcolici quanto basta, appaiono due ciotole di patatine, due taglieri di affettati con grissini e, udite udite, un tagliere con dei cubetti di pizza masticabile. Abbiamo spazzolato tutto in pochi minuti, alla faccia della bilancia, della prova bikini e, soprattutto, dei consigli del nostro medico.

miriam

Gli affettati sono di qualità, e anche le patatine! non fosse che odio le bigbubble darei massimi voti anche alla pizza, che gioia, che gioia, perdonate l’entusiasmo! Facciamo un secondo giro, la quantità di cibo diminuisce ma veniamo coccolati con una focaccia farcita e altri quadratini di pizza, non poteva andarci meglio…se no poi a casa non mangio e la mamma si incazza.

Che dire, rimane da stabilire il prezzo, dovete capirci, è un lavoro usurante anche il nostro, casso, non mi ricordo. In ogni caso sono certo che il prezzo non superi i 2.80 euri, ben 5421 lire direte voi, ma diamine, vista la simpatia dei gestori, la quantità di cibo e il rapporto qulità prezzo, mi sembrano briciole al giorno d’oggi!

il bar (di cui per lo stesso motivo di prima non conosco il nome) è in via Galilei ed è aperto dal lunedì al sabato.