Pi-Greco Bar bottega

La Bottega sotto casa del mio amico la chiameremo L.B.S.C.D.M.A. per abbreviare è un posto super bomba che non vi dico dov’è: se no succede come l’ultima volta che vi ho detto della zia ed ora avete trasformato il bar di quartiere dei nonni in uno emo-glem-trendy-cool-locale universitario.

Siamo contenti per la Zia che ora spinge il cash dalla console del bancone ma siamo ancora più contenti quando troviamo un posto nuovo dove sederci per sgranchirci le gambe e riempirci la pancia.

ora, detto questo, torniamo a parlare di Pi-Greco Bar bottega.

Pi-Greco Bar bottega è un posto geniale. In controtendenza con la moda di aprisi centri commerciali a raffica, i gnari di Pi-Greco Bar bottega. hanno pensato bene di aprire una bottega di quartiere, nel 2012, super cool e super Km0 (non nel senso che i prodotti sono tutti bresciani ma nel senso che scendi e ce l’hai sotto baita).

Pi-Greco Bar bottega è un posto caldo e pieno di ventilatori, gli amici che ci lavorano dentro hanno detto che fra poco fanno mettere l’aria condizionata. Peccato a noi piaceva anche così. L’ambiente è curato, tutto nuovo e se non ci fai attenzione potresti scambiarlo per un baretto di quelli fescion.

Arrivati alla bottega prendiamo un tavolo dentro (anche perchè fuori non ci sono) e ordiniamo 5 pirli. Qualche minuto e arrivano 5 bei palloni bresciani, di quelli gnecchi, con il Campari e con l’Aperol che ci sono per davvero mica come quelli che fanno oggi qui.

Iniziamo a bere, i 5 palloni di pirlo sfondano davvero!! Il mix e giusto, il ghiaccio è un pò troppo ma compensa bene l’elevato grado hardcoolico.
La bottega non ha ancora giocato nemmeno una delle sue carte segrete: arriva la pappa!

Ci arrivano dei taglieri d’affettati in modalità #epic, gli amici di Pi-Greco Bar bottega hanno stile e cultura, tutti gli affettati sono di livello superiore, è la festa dell’animol, fra gli altri arrivano: speck d’oca, bresaola di cinghiale, salame di cinghiale, finocchiona toscana, salame di cervo, lardo #epicwin, mortadella d’oca, etc etc..

Gli animali non passeggiano per il nostro tavolo da soli: sono accompagnati da pane e focacce di diverso tipo e formaggi selected.

Premiamo la ricerca di Pi-Greco Bar bottega con un altro giro di pirli che ci mette totalmente KO. La bottega ci arriva in soccorso con l’ennesimo vassoio.

La resa dei conti.
Sono passate ormai due settimane dalla nostra visita a Pi-Greco Bar bottega, ho aspettato qualche tempo per non scrivere una review a caldo. Ora con lucidità posso dire che l’emozione provata è stata simile a quella vissuta le prime volte durante la scoperta della Zia.

La pappa è strepitosa, il prezzo è super ottimo (contando quantità e qualità): 3,5€ 3€ a pirlo cibo incluso. In più come se non bastasse il bere ribalta e non lo dico per modo di dire, ribalta per davvero!

Quindi, per la qualità, per la quantità, per il prezzo contenuto e per l’originalità (una bottega vs centricommerciali) il posto si becca da me 5 bicchierini su 5. You Rock!

Via Corfù, 64 25124 Brescia‎
030 221719

p.s. ti ho già detto che non ti dico dov’è. Se vuoi saperlo mandaci una recensione di un posto figo. Usa facebook responsabilmente.

Udaberri

edit: Maggio 2011 – Il pirlo costa 4 euro e al tavolo ci portano patatine e giga-olive. Schizziamo verso il buffet per fare il carico di cibo ma…
non esistono piattini e questo cartello spiega il perchè.
Siamo costretti a rosicchiare qualcosa come dei topi, bere il pirlo alla goccia e scappare in un posto meno ostile.

edit: Settembre 2009 – prendiamo 15, leggi quindici pirli al tavolo, prezzo supperggiù invariato la vera stoccata è che non arriva al tavolo nemmeno un’oliva, no patatine nulla di nulla. La risposta che ci viene data è : “quelle cose lì sono in vendita.” Assurdo.

Published on: Mar 25, 2007 @ 12:05

“Udeberri è uno dei posti che a Brescia si conosce!”, difficile non esserci mai passati e non aver mai preso un pirlo li, arrivate alla chiesa di via Lamarmora e ci siete.

insegna.jpg

Il locale non nasce in 4 mura ma dalla classica storia del viaggio rivelatore di due amici in terra spagnola, al loro ritorno aprire un bar che ricordi il calore vissuto è un dovere; sicuramente meglio che dell’altra classica storia bresciana: un buon soggiorno a Sharm el Sheikh o Marsa Alam, tutto incluso: villaggio, aereo, coktails, 1 escursione, 1 animatore/bagnino e ritorni con qualche buon stereotipo già visto, già sentito.

entrata.jpg

Udaberri è sempre pieno, specie in orario pirlo, ha una buona cerchia di frequentatori al quale si aggiungono gli amici degli amici, i mezzi uomini, ominicchi e quaquaraquà, c’è n’è per tutti insomma. Il pirlo è buono anche se con troppo ghiaccio -nel sito è riportata la loro ricetta: “versare campari o aperol nel bicchiere pieno di ghiaccio [..]”, dai non troppo pieno!– comunque sia riesce nel suo intendo: il primo lo sentite da lontano, il secondo si fa sentire meglio. Bicchiere ampio, adatto alla missione per la quale è stato arruolato (forte attenzione nella scelta dei bicchieri, vedi sito, apprezzabile).

pirlo.jpg

Stuzzichini: su questi l’Udaberri inizia a scricchiolare: se siete al tavolo insieme al pirlo arriva un cestino di patatine e qualche oliva, se siete in piedi al bancone avrete a disposizione un buon buffet, parecchia scelta, peccato che non essendoci piattini o altro, tutto ciò che trovate lì è da mangiare lì, nemmeno al tavolo, dubito che girereste con due fette di mortadella tra la folla. Per cui le scelte rimangono o beccarsi solo patatine e olive o letteralmente COMBATTERSELA al bancone, come immaginabile il più grosso mangia di più.

buffet.jpg

La resa dei conti.
Brescia c’è, il posto c’è, il calore c’è, il pirlo quasi, gli stuzzichini forse, il prezzo chissà: 3,50€. Sommando tutto darei, anzi do, all’Udaberri 3 bicchieri su 5 un pò mi spiace perchè con un piattino in più al tavolo e/o 0,50€ in meno se la sarebbe giocata per il 4/5.

p.s. tutte le foto della recensione sono state prese dal sito udaberri.it: con poca luce ci è stato difficile scattare buone foto.

Udaberri Berri Music Pub
Piazzale G. Tredici, 6 Brescia (Bs)
(sito web – bel sito!)
(mappa della zona)
myspace.com/udaberriberri

[geolocation]

Buca di Bacco

Dopo mesi torniamo in buca. No forse anni. Sappiamo dei cambiamenti che la Buca ha subito durante la nostra assenza ed anche di quanto il suo aperitivo domenicale si stia affermando tra i GGGiovani, con tanto gaudio e giubilo dei classici vicini che da anni spaccano le palle a chi in piena tranquillità, senza far del male a nessuno, urla nel cuore della notte o strombetta dal suo bolide in terza fila: –se ho il bolide, strombazzo quanto me pare. , dicono questi.
via i vostri kebab, lasciateci dormire rispondono gli altri.

locale

Arriviamo prestissimo, 18.30, poche volte siamo arrivati su lavoro così in anticipo. Già tutti i tavoli della buca di bacco sono pieni! poco male, chissenefrega del tavolo quando c’è un’intera asse-tavolo-fra-2-botti-buffet completamente libera al centro del locale? Da notare che pochi sono i posti che ci han presentato una situazione simile: un buffet al centro, che qualcuno ha definito “attaccabile da entrambe i lati”.
Ci raggiunge qualche amico del San Polo Drinking Team, loro essendo grossi si portano via buona parte dello spazio disponibile, noi l’altra metà. –il buffet è nostro! tu continua a strombazzare!.

food1

Ordiniamo i pirli al banco. Ce li preparano mentre chiaccheriamo della pace del mondo, del senso della lotta di the pirate bay, della giusta legna per fare lo spiedo e del Bimbi come miglior amico dell’uomo di casa. I pirli arrivano nel bicchiere del cuba (uff..) con molti brutti cubettoni di ghiaccio al suo interno, insomma non si prospetta un buon pirlo.
Con scatto veloce diamo una zampata al bicchiere e ritorniamo a danzare in cerchio attorno al buffet.

Buffet anomalo: grande tavolo per lo più sempre vuoto, non darà mai la sensazione di “tanto cibo”, c’è da dire che viene continuamente rifornito: dai fritti, alla pizza, tartine, pasta, riso, cuscus etc etc.. il fatto che vengano portati giusto due vassoi alla volta, crea il fantastico effeto “sgomita per averne e sei un ingordo”, tale effetto mediamente disprezzato dalla gioventù bresciana limita così i consumi e gli sprechi. Non per noi, che essendo in prima fila abbiamo fatto razzia di diverse portate. Peccato per chi dovendo mantere un certo contegno, che di domenica sera è la regola, non s’è sfamato.

food2

Il pirlo diventa il giusto compagno per questo ABBuffet, ghiacciato e leggero, aiuta la pappa a scendere. Valutato di per sè è però annacquato e poco alcoolico, insomma un cocktail più che un “zio beom nà oltà”.

drink

Passa il tempo e la buca esplode di gente, fin quando non raggiunto il suo limite la folla si riversa all’esterno fin all’ora in cui il popolo dell’aperitivo si congiunge con il popolo della notte-iniziamo-da-un-amaro.

La resa dei conti.
La buca, nonostante i cambi di gestione mantiene il suo sapere fashion-tradizionale, forse ora sbilanciato più sul fascion. Ha un popolo di ammiratori ,estimatori ed amici che da anni vedono Buca di bacco come un punto di riferimento. Ora la pappa è sicuramente migliorata come qualità/quantità rispetto alla nostra prima visita, mentre la qualità del pirlo è scesa. Il costo Domenicale è alto: 5 Euro. E’ difficile dare un giudizio, ma volento essere attaccati alle radici di questo sito , si becca 3 su 5. Diversamente con macchina strombazzante e ciuffone ingellato.. arrivate a dare sicuramente un 4 su 5. Se poi siete amici, beh allora come sempre è un 5/5.

Vecchia Recensione Pubblicata il: Dec 14, 2006 @ 11:20
La “Buca” è un altro dei posti storici di Brescia, difficile non esserci mai passati almeno una volta. L’atmosfera che si respira è qualla che si sente ad una bevuta con buon amici, senza troppe pretese, tavoli, sedie e bancone in legno scuro si fondono con il giallo delle pareti e alimentano il calore del posto.

La “Buca” è conosciuta non tanto per il pirlo, forse più per le grappe al metro o forse per essere divenuta punto di ritrovo di mezza Brescia nel corso degli anni. Comunque qua, l’obbiettivo è uno, ancora una volta Il pirlo.

Verso le 19:00 inizia a comparire sul bancone la classica combo olive, patatine, arachidi, così il primo round se ne va senza colpi ne dati ne subiti. Di li a poco, raggiungono il ring di gara, 5 o 6 sughi/salse differenti con le quali si prederanno a cucchiaiate dei crostini raccolti in una ciotala lì vicino.
Se berrete al tavolo, il discorso non cambia, olive, crostini, salse e compagnia vi raggiungeranno a bordo di alcuni piattini, magrolini a dire la verità, non è raro trovarsi a metà pirlo già sul fondo di questi.

Il pirlo è in due versioni, pirlino e pirlone, buoni entrambe, forse nella versione grassa a volte un pò troppo ghiaccio, non li sottovalutate in quanto non tarderanno a farsi sentire, specie dopo un paio (o più!).

La resa dei conti.

La Buca di Bacco offre un buon pirlo, qualche stuzzichino, un ambiante accogliente ed un prezzo giusto che oscilla tra 1,50/1,80€ per il piccolo e 2,50/3€ per il grande. Consigliato per chi si trova in zona prima di cena e vuol gustare un pirlo veloce che gli permetta sia di arrivare a destinazione e sia di mangiare ancora per parecchio tempo. Sconsigliato invece per chi cerca un aperitivo più lungo, con buffet ed abbondanza di cibo, in questo caso non avrete la possibilità di arrivare direttamente al dopo cena saltando il pasto, qualcosa dovrete mangiare.


La Buca di Bacco
via sabotino 27
Brescia(bs)
(mappa della zona)

[geolocation]

C House – Coffee Hop

La Freccia Rossa: il superfluo tempio del consumismo, in una città in cui ci sono più centri commerciali che centri sociali. Speravo di non doverci mai andare.
E invece, non di solo pirlo vive l’uomo. Costretto da un forzato bisogno di sneakers, trascino tra i negozi un malaugurato drappello di recensori, alla volta della meta definitiva: il C House – Coffee Hop Bar.

Alekone

Così apriva tempo fa la recensione di Alekone, che mi trovo solo oggi a concludere * in quanto ultimo classificato della gara:
“sasso, carta, forbice … questo bar te lo recensisci tu! “

img_4361
img_4361

Arriviamo al Coffee Hop Bar (potrebbe essere Coffee Shop con un S che si è staccata dall’insegna… mah) percorrendo i corridoi desolati di un centro commerciale in piena desertificazione, il nostro sguardo non ci mette molto ad essere attirato dal Coffee Hop, monolitico bar ad angolo nero al confine della zona “pappa”, laggiù fra mezzi galletti del Beefed, mucche senz’organi di Ronald e sushii Runners risplende il pirlo. O almeno dovrebbe.

img_4353
img_4355

Seduti al tavolo, (quelli della sezione glamour ovviamente, vade retro sezione paninaro anni 80′ del Burghy )** ordiniamo i nostri 3 pirli: 2 aperol ed un campari.

Dal bancone, nell’attesa, rubiamo qualche salatino, patatine, quadrelli di frittata e della pasta fredda. ah si noccioline. Sgranocchiamo qualcosa chiedendoci se le “pietanze” nei nostri piattini di plastica mettono in buona luce o meno un locale che tanto pare far l’occhiolino al Fashion. Ahimè la luce è poca, buio, quanto l’interno di un frigorifero che da una notte all’altra custodisce gli avanzi del giorno precedente.

img_4357

Passiamo al pirlo, anche questo è molto di moda, quanto un paio di scarpe di tendenza, tutte uguali per non sbagliare. Così “il migliore amico del Bresciano” (dopo lo spiedo) si perde in un gusto neutrale, nemmeno-tanto-cattivo, mezz’annacquato, non-lo-ricordo, bah. lo beviamo e ci mettiamo un sacco di tempo.

img_4356
img_4349
-desertificazione

La resa dei conti.
Ci sono posti Fascìon che sono un pò più Fascìon, ci sono osterie dove mangi come un drago, ci sono bar di quartiere dove bevi come un giocatore accanito di slot machine ma se uno è al frecciarossa ed ha estremo bisogno di un pirlo allora raggiunga di corsa il Coffe Hop bar. 3,5€.

*Solitamente quando mangiamo come cinghiali e beviamo pirli galattici, le recensioni sono online solo qualche ora dopo … ahimè brutta cosa l’euforia alcoolica!
** Questa la capisce chi c’è stato.